I gruppi di combattimento italiani nella battaglia del Senio

Fra il marzo e l’aprile 1945, gli uomini del Gruppo di Combattimento Friuli ed i volontari della Brigata Ebraica si trovarono impegnati contro le truppe naziste sul fiume Senio, in provincia di Ravenna. Soldati italiani ed ebrei dell’esercito britannico contribuirono successivamente alla liberazione della città di Imola.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

In seguito all’armistizio dell’8 settembre 1943, gli Alleati diedero la possibilità alle forze armate italiane, riorganizzatesi al Sud, di costituire diversi reparti da schierare contro gli occupanti tedeschi. A causa di un diffuso sentimento di sospetto verso i soldati italiani, gli uomini di queste unità venivano considerati dagli anglo-americani cobelligeranti, non alleati. Nonostante ciò, i militari italiani dimostrarono fin da subito il proprio valore.

All’inizio dell’ultimo anno di guerra venivano costituite sei grandi unità denominate Gruppi di combattimento. Due di esse, il Gruppo di Combattimento “Friuli” ed il “Cremona”, combatterono sul fronte del Senio al fianco della Brigata Ebraica. La sera del 9 aprile 1945, il Generale britannico Harold Alexander ordinò di preparare l’attacco per la liberazione della piccola località di Riolo Terme, in provincia di Ravenna. Il comandante del Gruppo di Combattimento “Friuli”, Generale Arturo Scattini, di concerto con il comandante della Brigata Ebraica Ernest F. Benjamin, decise di non bombardare l’abitato per non colpire i civili. La battaglia, durata tutto il giorno, fu feroce, e gli italiani lasciarono sul campo 74 morti, 159 feriti e 15 dispersi. Gli uomini della Brigata Ebraica riuscirono nel frattempo ad aggirare il nemico impossessandosi, dopo un violento scontro a fuoco, del Mulino Fantaguzzi, nei pressi di Cuffiano, utilizzato come roccaforte dalle truppe tedesche. 

L’11 aprile 1945 Riolo Terme venne liberata e la popolazione accolse con gioia sia gli italiani del “Friuli” che i “palestinesi” della Brigata Ebraica. Anche Imola sarebbe stata liberata di lì a poco grazie allo sforzo congiunto di italiani e volontari ebrei dell’esercito britannico.

Il Generale Arturo Scattini con i granatieri del Gruppo di Combattimento “Friuli”.
L’ordine d'attacco del Comando Supremo Alleato rivolto a tutti i battaglioni disposti lungo la Linea Gotica. Il "D-Day" era previsto per il 9 aprile 1945. (Cortesia dell’Israeli Defense Forces Archives per il Centro Studi Nazionale Brigata Ebraica)

Altri Articoli

Notizie

I gruppi di combattimento italiani nella battaglia del Senio

Fra il marzo e l’aprile 1945, gli uomini del Gruppo di Combattimento Friuli ed i volontari della Brigata Ebraica si trovarono impegnati contro le truppe naziste sul fiume Senio, in provincia di Ravenna. Soldati italiani ed ebrei dell’esercito britannico contribuirono successivamente alla liberazione della città di Imola.